Dal Cracovia all’Ascoli passando per Messi

tempo di lettura: 2 minuti
Fonte: ilnapolista.it

Penultima amichevole agostana del Napoli prima di passare agli incontri ufficiali. Ancora una vittoria, cosa che ha caratterizzato tutto il precampionato della squadra a partire dalla prestigiosa vittoria col Bayern di Monaco e se col Wisla, molto più avanti nella preparazione e con numerose defezioni, si era potuto apprezzare un buon progresso della manovra, con l’Ascoli, pur recuperando molti dei titolari, si sono registrati dei passi indietro, certamente dovuti ai carichi di lavoro e soprattutto a un marcato ritardo nella preparazione dei nuovi aggregati, tranne Lorenzo, la cui classe si è manifestata già dai primi tocchi.

Preoccupa però il fatto che, ancora una volta, sull’unica azione prodotta dagli ascolani si sia subito gol. Un triste retaggio del Napoli di un recente (e non solo) passato. Ma preoccupa ancor di più, a nostro avviso, il centrocampo, per noi male assortito. Da sempre sosteniamo che Fabian e Zielisky vanno a comporre un centrocampo senz’altro di qualità ma di scarsa sostanza e, soprattutto, personalità e non è un caso che la presenza di Demme abbia contribuito a bilanciarne l’essenza. Confermiamo che il Napoli, se si dovesse basare su questi due centrocampisti, non andrà molto lontano. E mentre qualcuno osa ancora mettere in discussione elementi di un’altra categoria, come Lorenzo Insigne, augurandosi finanche la cessione, il calcio internazionale registra l’ennesimo ammainabandiera con l’addio di Messi al Barcellona. Ulteriore dimostrazione di quanto la finanza governi questo sport/spettacolo. Per approdare poi al PSG che fa da asso pigliatutto e per continuare, si spera, a vincere nulla. Non foss’altro perché le mancate vittorie dei francesi alimentano, in piccola parte, i sogni di quelli che pensano che non tutto si compri…o non ancora.

Nel nostro piccolo, abbiamo la fortuna di poter ancora sventolare una bandiera con Lorenzo Insigne e speriamo che non ci brucino anche questa. Nel frattempo al Napoli urge un esterno basso a sinistra, anche perché Mario Rui sembra essersi definitivamente perso, e un centrocampista per disegnare una alternativa al duo Fabian-Zielisky che noi vediamo alternativi e non complementari.
FNS

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su