Diario di un “sorvegliato speciale”: 9 marzo 2021

tempo di lettura: 2 minuti

La settimana si è aperta all’insegna del mistero. Due interviste aprono uno squarcio ulteriore sulle già poche certezze che ci restano. La prima, nella quale Harry e Kate duchi del Sussex denunciano di aver subito dalla Casa Reale britannica offese razziste, richiederà sforzi non comuni per individuarne l’autore. Ma, si sa, a Londra c’è la mitica Scotland Yard e soprattutto c’è la Regina Madre che ha espresso vicinanza alle presunte vittime e si impegnerà ad accertare la verità tanto avrà tempo, come tutti sanno.
Insolubile rimane invece l’enigma suscitato dall’intervista a Rocco Casalino, ex portavoce dell’ex premier Conte, il quale riconosce che nel PD ci sono persone straordinarie come Franceschini e Zingaretti ma anche un cancro da estirpare. Chi sarà questo cancro? È la domanda che tutti si pongono sia dentro che fuori il PD. Qualche indizio ci viene dai nomi dei senatori e dei deputati che hanno reagito duramente, costringendo Casalino alle scuse. Ma bastano questi nomi a creare una prova? E se avessero protestato perché un cancro oggi come oggi si può anche estirpare e avessero invece preferito il paragone con una vera e propria tabe, che l’Enciclopedia Treccani definisce “sindrome caratterizzata da grave e progressivo decadimento generale”?
Dubitiamo comunque che qualcuno nel PD si prenda la briga di approfondire la cosa: i vertici del PD sono da un bel po’ disarmati e disarmanti. Basti pensare all’inerzia dimostrata rispetto ai disastri sanitari della Lombardia: la strage nelle RSA, le compromissioni personali del presidente Fontana, l’esilarante inadeguatezza di Gallera, Bertolaso 1, che costruisce l’ospedale Covid in periferia, lontano dalle sale di rianimazione, e Bertolaso 2, incaricato di organizzare una campagna vaccinale che stenta a decollare. E la Moratti, chiamata a commissariare la sanità lombarda, che propone di vaccinare in base al PIL e poi, naturalmente, ritratta. Altro che Bibbiano! Ci sarebbe da crogiolarsi nel ridicolizzare e/o mettere alla gogna la Lega e tutta la destra lombarda. Invece ci si limita ad amministrare in maniera perennemente grigia sia l’alleanza con i 5 Stelle, sia il sostegno al governo Draghi, sia le stesse beghe interne orchestrate dai renziani di Base Riformista.
E quindi silenzio clamoroso del PD anche sui viaggi scandalosi di Renzi in Arabia: in un paese anche meno civile del nostro si sarebbero mobilitati tutti i partiti per biasimare e screditare ulteriormente (tecnicamente: “sputtanare”) la figura di questo abusivo della politica. Benché Renzi abbia poi precisato, così si vocifera, che quando parlava di Rinascimento a Bin Salman intendeva riferirsi più che altro ai Borgia.
A dare la sveglia al PD forse arriva Letta che riuscirà, se gli andrà bene, a tenere unito tutto il PD, cancro compreso.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Torna su