Il Napoli esce allo scoperto? di Gianni La Camera (Pubbl. 26/11/2018)

Il Napoli pareggia inopinatamente con il Chievo in casa senza segnare neppure un gol e anche questa è una notizia. Partita scialba, a tratti svogliata e mai abbiamo visto la cattiveria agonistica di altre squadre (Juve docet). Forse troppi cambi, troppi “rincalzi” inseriti al posto dei veterani: Malcuit, Ounas, Zielinski, Diawara. Una formazione completamente stravolta sia negli attori che nella disposizione in campo. Ma noi veramente vogliamo pensare che il nostro tecnico non sapeva a cosa poteva andare incontro? Vogliamo credere che il Mister non ha calcolato i rischi di una partita da giocare contro un Chievo che veniva da un altro cambio di allenatore e presumibilmente voglioso di fare la sua gara anche per mandare un messaggio chiaro e forte all’uscente Ventura? Noi non pensiamo che non si siano valutati tutti i rischi di una gara insidiosa e che ci poteva anche veder soccombere. E allora perché? A noi sembra evidente che il Napoli, se deve fare una scelta fra campionato e Champions League non ci pensa due volte e predilige la coppa europea. Ed è triste se l’ultima antagonista della Juve abbandoni alla tredicesima di campionato. Non crederci e lasciare campo libero alla più forte e potente di Italia è quanto mai avvilente principalmente per i tifosi del Napoli ma anche per tutto il movimento calcistico italiano. Se poi consideriamo che non abbiamo già conquistato la qualificazione agli ottavi della Champions, ma che ce la dobbiamo ancora giocare contro la Stella Rossa e poi, forse, il Liverpool, potremmo andare incontro a una delusione gigantesca. E’ vero, la Juve ha un calendario ora più difficile del nostro, ma noi non dobbiamo illuderci che nelle prossime quattro partite la Juventus possa perdere troppi punti. Non lo farà anche perché, e non stiamo parlando a vanvera, se mai dovesse andare in difficoltà, se mai gli arbitri dovessero giudicare un episodio dubbio, lo risolverebbero a favore dei bianconeri. E a proposito di questi particolari, c’è qualcuno che pensa che, se il fallo su Callejon in area fosse stato fatto su Cuadrado in Juve – Chievo, l’arbitro non avrebbe fischiato il rigore senza pensarci un attimo? Il fallo invece fatto sul nostro giocatore non solo non ha procurato il rigore a favore degli azzurri ma, cosa sconcertante, neanche è stato ritenuto meritevole di un dubbio. Un’occhiatina al VAR avrebbe potuto mettere in imbarazzo il lanciatissimo Chiffi? Caro Carletto, se anche tu ti arrendi a troppe evidenze, se anche tu stai immaginando che quest’anno non si possa far altro che tirare la volata in Champions League per la Juve, allora speriamo che la squadra di Torino la vinca finalmente quella coppa così che si possa ripartire ad armi pari nel prossimo torneo di serie A. E lo scriviamo senza crederci minimamente.

commenti sul blog forniti da Disqus