Champions League: Napoli ai gironi di Gianni La Camera (Pubbl. 23/08/2017)

Che nonostante un sorteggio non proprio favorevole saremmo passati ai gironi di Champions League era prevedibile. Superare i preliminari con una dimostrazione di forza di tale portata, un po’ meno. Il Nizza spedito in Europa League giustamente perché il Napoli si è dimostrato più forte e non di poco. Diciamolo: la squadra francese ci ha capito ben poco nelle due sfide per il passaggio del turno e ancor meno proprio in casa propria. In quell’Allianz Riviera, per l’occasione blindato, che come al solito ci fa vergognare del nostro impianto. Trasferta vietata ai napoletani e tifosi francesi a incitare i propri incessantemente. Eppure la squadra partenopea ha insegnato calcio e crediamo abbia ormai convinto proprio tutti. Lorenzo magnifico, Callejon il solito, Allan straripante, Jorginho devastante, Koulibaly impeccabile e tutti gli altri sopra la media. Reina ci ha anche evitato il solito gol che pure riusciamo a subire. Vittoria meritata quindi, e dedicata agli amici ischitani proprio da Sarri ad inizio conferenza post partita. Sarri, appunto. Un allenatore che sembra aver sistemato qualsiasi aspetto del gioco e forse anche la difesa. Quest’anno vediamo correre all’indietro tutta la squadra, abbiamo visto Callejon difendere sulla bandierina della propria metà campo, Insigne riconquistare palla nella nostra area e ripartire lasciandosi dietro tutti, anche i propri compagni. Ma la fase difensiva la valuteremo meglio quando avremo un numero di partite giocate significativo. Dell’attacco e del centrocampo siamo certi. I più superficiali temevano Mario Balottelli e Wesley Sneijder. Il primo è stato completamente annullato da un Koulibaly di gran lunga più forte e il secondo chi l’ha visto? A fine gara anche il loro allenatore, Favre, non è stato tenero nei loro confronti. Torniamo a casa quindi più forti, consapevoli del nostro potenziale e con la convinzione che quest’anno lotteremo per il primo posto nel nostro campionato fino alla fine. E chissà! Che altro dire? Aspettiamo giovedì il sorteggio sapendo che per una volta saranno anche le altre forti d’Europa a temere l’urna. Non sarà rassicurante per nessuno essere in un girone che comprenda gli azzurri.